Start up, Dattoli: “I miei 7 consigli per lanciare un progetto”

Grafico di metafora 5 passi per il business

Milano, 4 aprile 2018 – “Troppo grande per fallire”. Un concetto che in Europa condiziona persino molti progetti di start up, in particolare lanciati dalle grandi aziende, ma è scorretto secondo Davide Dattoli, fondatore sette anni fa di Talent Garden, iniziativa di successo che ha portato alla più grande rete europea di campus-coworking in Europa. Ecco i suoi sette suggerimenti tratti dall’intervista Start up, Dattoli: “Il fallimento? Importante per il successo” (LEGGI) per chi crede di avere una buona idea di start up, ma vuole evitare alcune grosse difficoltà in grado di far naufragare da sole il proprio progetto (foto Designed by Freepik).

  1.  Lavorare di tattica
    “Iniziare piano e osservare come reagisce il mercato di fronte a ogni nuova piccola implementazione, rischiando il minimo”
  2.  Cercare investitori locali
    “In Italia ci sono famiglie, piccoli imprenditori che credono nel reinvestire il proprio capitale per farlo fruttare nuovamente e non pensano solo a godersi la casa al mare o l’auto nuova”

  3.  Allinearsi sulle prospettive
    “Decidere in società gli obiettivi futuri, per non veder finire sodalizio e amicizie. E’ quanto accaduto a me, avevo 18 anni. Il giorno dopo era persino difficile parlarsi”

  4.  Investire soldi è una responsabilità
    “Sia che siano propri o di altri”

  5.  Un rifiuto stimola a trovare nuovi partner
    “Trovare porte chiuse ti spinge a lavorare meglio per trovare altri aiuti”

  6.  Vincere la vera sfida sul mercato portando idee e sogni
    “E’ il vero banco di prova dei nostri progetti. E poi credo nella meritocrazia, se hai una buona idea devi essere ascoltato”

  7.  Focus e passione per affrontare le sfide
    “Il motto di Talent Garden è: ‘Passion working space'”
    Daniele Monaco
    daniele.monaco@polismedia.it