XTribe: scegli dal telefono, compra in negozio. Ecco l’app che sfida l’e-commerce

Xtribe, l'app che ribalta l'ecommerce

Milano, 5 aprile 2017 – “Ho aperto un’e-commerce, ma non mi porta nuovi clienti nel negozio. Come faccio?”. Per rispondere a questa domanda è nata XTribe, la prima app di “geomarketplace commerce”. Dal proprio telefonino è ora possibile cercare online l’offerta migliore per l’oggetto dei propri sogni, da scegliere e comprare fisicamente nel luogo più vicino, un negozio o un privato. Dai vestiti alle biciclette, dai servizi di estetista al noleggio veicoli, si vende di tutto nella grande vetrina di XTribe. Questa app è stata inventata nel 2012 da tre imprenditori “millennials” italiani, Mattia Sistigu, Enrico dal Monte, e Marco Paolucci, ed è destinata a un pubblico eterogeneo ma soprattutto giovane, fra i 15 e i 35 anni.

Una piattaforma rapida e intuitiva, scaricata 200mila volte affermano i creatori, dov’è possibile acquistare, vendere, noleggiare o barattare rivolgendosi a privato o a negozi di quartiere. Il bello di XTribe, preferito al 53% da donne e dal 47% da uomini, è la capacità di mettere in contatto domanda e offerta a chilometro 0, grazie a una mappa per geolocalizzare utenti e annunci, in un’ottica di “social commerce”. Vantaggi? Zero costi di spedizione, nessuna intermediazione, tempi d’attesa abbattuti. E poi, il piacere di incontrare una persona scoprendo “che l’oggetto dei tuoi sogni non si trova oltreoceano, ma oltre l’uscio di un piccolo negozio sotto casa”, spiega Mattia Sistigu, Coo di XTribe.

Come funziona XTribe

Diffusa soprattutto nelle grandi città come Milano, Roma, Torino e Napoli, XTribe rappresenta un’occasione unica anche per i venditori professionisti (attualmente sono oltre 2000 i negozi iscritti) che, diventano così XTribe Store al prezzo di 19 euro al mese. Un’occasione per accedere alla tecnologia dell’e-commerce, certo, ma riportando sempre i potenziali clienti alla base, ovvero al negozio di quartiere, dove avviene l’incontro.

Insomma, XTribe crea un “ponte” tra virtuale e reale mixando comodità della ricerca dal telefonino e della scelta online al valore aggiunto, al piacere, dell’acquisto di persona. Come succede in altre “app”, il rapporto da “social” si converte quindi in “sociale”. Fra gli strumenti, oltre al navigatore integrato, c’è anche una chat interna per contattare l’utente e per fissare un appuntamento.

“Il primo obiettivo di XTribe – spiega Mattia Sistigu (leggi l’intervista completa) fondatore di XTribe – è velocizzare gli scambi fra cliente e commerciante, ma anche mettere in contatto le persone, diversamente dalle solite dinamiche dell’e-commerce che vedono acquirente e venditore privati come elementi completamente separati tra di loro”.

Inoltre, l’utente può effettuare una recensione dell’intera esperienza, in vero stile 2.0, mentre i professionisti del commercio possono acquistare pacchetti di crediti per “espandere” il proprio profilo aggiungendo funzioni come XTribe Vetrina Advertising, che permette di aumentare la notorietà dei prodotti e servizi offerti all’interno del target di interesse, individuato attraverso la profilazione degli utenti e la loro geolocalizzazione. Così come per qualsiasi utente che volesse pubblicare più di tre annunci per volta. “Dalla prima versione beta sono passati 4 anni, un periodo molto intenso di studio e sviluppo continuo sotto ogni aspetto”,  spiega Sistigu che definisce XTribe “uno strumento molto pop e veramente per tutti, donne uomini, giovani e adulti”.
Daniele Monaco